Home > 2014Programma 2014 > CONCERTO DI MUSICA POP/SOUL/JAZZ

CONCERTO DI MUSICA POP/SOUL/JAZZ

Sostenuto da IAMalina , giovane artista romena

28 giugno 2014 ore 20.00

Location: Teatro dell’Angelo, via Simone de Sain Bon, 19 Roma

 

IAMalina

IAMAalina ( I am Alina ) è il nome d’arte di Alina Chelaru nata in Romania .In giovane età , ha studiato pianoforte e musica classica ( a partire dal primo anno di scuola fino all’università ) , poi all’età di 13 ha iniziato a scrivere le sue prime canzoni . Alla stessa età , si è esibita per la prima volta come un atto di apertura per una grande star rumena che è Angela Similea . Nel suo periodo di alta scuola , ha fatto diverse apparizioni in Romania e ha vinto un premio speciale al Festival Nazionale Florentin Delmar. Nel 2003 , ha deciso di lasciare il suo paese e si trasferisce in Italia e ha iniziato tutto nuovo con corsi di musica , e le serate a Roma . Nel 2006 , ha vinto una borsa di studio al Berklee College of Music di Boston , ma , purtroppo , non è andata lì per motivi personali. Il suo primo assaggio di successo nel mondo dello spettacolo è stata la sua partecipazione ai Grammy nel mese di febbraio 2013. Ha poi avuto un’idea che avrebbe cambiato la sua vita : la creazione di uno spettacolo solo per lei a Roma con un sapore Grammys in cui ha presentato il suo primo album di registrazione ALINA Il 7 giugno presso il Teatro Quirino di Roma . Da pocco ha inciso il suo single „The Kind Of Man“ ed è ppena tornata da LosAngeles dove è stata invitata per la seconda volta ai Premi Grammy.

 

Dalla Romania agli Stati Uniti passando per l’Italia, con un misto di musica nel sangue e un sogno americano da coltivare. Il personaggio in questione risponde al nome di IAMAlina, al secolo Alina Chelaru, italo-romena che in questi giorni ha pubblicato anche in Italia il suo primo album, che per titolo porta lo stesso nome della cantante che sul suo profilo Facebook ha già conquistato poco meno di quaranta mila fan. ” Ho capito che questa poteva essere la mia strada a tredici anni – racconta lei – quando per la prima volta mi sono esibita da sola al pianoforte davanti ad un migliaio di persone. Quando sono salita sul palco ho sentito che quella sarebbe diventata come una droga per me. Ero in Romania, a Focsani, la città dove sono cresciuta”. Tutto, per lei che ora è un nome emergente del pop internazionale grazie ad un album che sta raggiungendo diversi paesi, Stati Uniti compresi, è cominciato da una cassetta sulla quale suo papà l’ha registrata da piccola e che lei non ha più smesso di ascoltare.

“Anche se i miei studi musicali sono stati di tipo classico, ho sempre ascoltato di tutto, dall’r’n’b al soul, passando per quel rock classico che alla fine è rimasto il mio genere preferito assieme alla musica pop degli anni Ottanta”. Durante gli studi al conservatorio di Bucarest, la cantante che di base oggi vive a Roma, si è fermata a metà strada per rincorrere il sogno in direzione del quale la portava la sua passione per le note suonate e cantate. “Avevo deciso di imbarcarmi su una nave da crociera che faceva rotta verso l’America – ricorda lei con il suo italiano dall’accento ancora vagamente dell’est – ma i miei genitori erano già in Italia e davanti alla notizia di una mia possibile partenza si sono preoccupati, perché era passato poco tempo dall’11 settembre e la situazione negli Stati Uniti non era delle migliori. Quindi ho deciso di passare prima dell’Italia per capire come muovermi. Alla fine, per una serie di motivi, sono rimasta per undici anni”. Se la strada da seguire non è stata chiara dall’inizio, IAMAlina pare poi aver trovato la sua personalissima via alla musica internazionale, intrecciando le sue passioni musicali ad una carriera che la sta portando a conquistarsi un pubblico sempre più ampio un po’ ovunque. “Sono contenta di quello che mi sta succedendo in questo periodo – dice Alina – con l’uscita dell’album che a Los Angeles di trova anche da Ameba (negozio musicale storico della cerchia losangelina), la pubblicazione in Germania, Austria e Svizzera, e poi finalmente anche in Italia”.

A proposito di estero, in quegli Stati Uniti per i quali non è partita undici anni fa, IAMAlina è poi tornata e proprio negli scorsi giorni si trovava ancora la per promuovere il suo album. “Sono appena tornata – commenta la pop star emergente – e posso dire che l’idea che mi ero fatta tempo fa è la stessa che mi sono rifatta oggi: negli Stati Uniti c’è ancora posto per la passione musicale e c’è ancora quello che si chiama sogno americano. Ho avuto la possibilità di suonare alla House of Blues di Los Angeles e con quel paese sto cominciando ad avere un rapporto buono e costante”. Il prodotto musicalmente finito e che è stato stampato su cd, è poi quello che è stato masterizzato a New York e nel quale hanno messo lo zampino musicisti della scena romana, oltre ad un sassofonista di origini statunitensi. “Per realizzare il disco ho voluto pensare ad un prodotto che alla fine posso definire pop, ma con inserti di rock, musica elettronica degli anni Ottanta e un po’ tutte quelle note che mi piacciono da sempre. Ho voluto che il lavoro che parlasse di me ma senza essere noioso”. L’obiettivo più prossimo per la cantante? “Voglio conquistare il mondo – scherza la diretta interessata – a cominciare dall’America”.

Fonte: ANSA

Carlo Mandelli marzo 2014

http://www.ansa.it/lifestyle/notizie/people/persone/2014/03/10/IAMAlina-Romania-verso-America-ribalta-pop-internazionale_10209421.html